Blog

In attesa del bramito

Settembre è il mese che annuncia l’autunno: la fine del caldo, le migrazioni verso sud di uccelli e farfalle, la trasformazione del paesaggio, che si veste di nuovi e magnifici colori. Ma settembre, in alcuni luoghi degli Appennini e delle Alpi, è anche il periodo in cui un evento ancestrale si ripete da molti millenni: il bramito del cervo.

Bramito è il nome del verso profondo e gutturale che i maschi di Cervo emettono durante il periodo riproduttivo, che si colloca a cavallo tra settembre e ottobre, in funzione di altidudine e latitudine. Un bramito può essere udito sino a diversi chilometri di distanza ed è con esso che i possenti maschi, pesanti fin oltre i due quintali, competono per gli harem di femmine. Non di rado però bramire non basta e si giunge così allo scontro fisico, in cui i due contendenti cozzano coi palchi in fragorose battaglie, spesso ferendosi, talvolta a morte.

Ecco che in attesa del bramito 2017, il nostro biowatcher Emanuele ha svolto un sopralluogo sui sentieri della Val di Rabbi, nel settore trentino del Parco Nazionale dello Stelvio, già meta dei nostri corsi di biowatching e dove vi condurremo anche nel weekend 29 settembre – 1 ottobre, proprio per vivere il periodo riproduttivo del Cervo nel suo massimo. Ma naturalmente le nostre passeggiate in Val di Rabbi saranno dedicate anche a tanto altro: fiori, foreste, ruscelli, cascate, e poi andremo in cerca del Camoscio, signore delle rocce, e dell’Aquila reale, che qui trova il suo ambiente ideale e che quotidianamente sorvola le praterie alpine in cerca di prede.

Intanto, a giudicare dalle foto di Emanuele, il sopralluogo in cerca di cervi non è andato affatto male…

Cervi Rabbi 02 B Rid
Cervi Rabbi 01 A Rid
Cervi Rabbi 03 A Rid

Tags: cervo, bramito, val di rabbi, emanuele fior, trentino, cervi, alpi, natour biowatching