Natour-Biowatching

Logo_natour_biowatching

Festa della Rondine a Marina di Ravenna – Com’è andata

_Testo e immagini a cura di Francesco Mezzatesta _

 

Grande successo della seconda festa della rondine (dopo Pegognaga, Mn) tenutasi a Marina di Ravenna il 1° di aprile presso il Gruppo Ippico La Piallassa, guidato da Carla Gasparini che si è prodigata unitamente al CEAS del Comune di Ravenna nell’importante parte organizzativa dell’evento.

Nutrita la partecipazione dell’Amministrazione Comunale con gli Assessori alle Aree naturali e Sport Giacomo Costantini, alla Transizione ecologica Gianandrea Baroncini e ai Diritti degli Animali Federica Moschini oltre alle operatrici del CEAS (Centro Educazione alla Sostenibilità del Comune di Ravenna). 

Il Parco del Delta Po Emilia Romagna ha collaborato all’iniziativa ed era presente la sua Presidente l’arch. Aida Morelli, ambientalista di lungo corso.

Cliccando sull’immagine è possibile conoscere il dettaglio descrizione, luogo e autore dello scatto.

Ad essere premiati, con una pergamena celebrativa firmata dal Sindaco di Ravenna, sono stati lo stesso straordinario Gruppo Ippico la Piallassa la cui scuderia è un “vero condominio per rondini” ospitando ben 141 nidi e il Camping Reno di Casalborsetti che ha difeso in oltre vent’anni di gestione i nidi di rondini presenti nei bagni e nelle docce del camping. Anche chi subentrerà nella gestione da questa stagione 2023 ha assicurato i presenti che manterrà ogni nido esistente.

A sostenere la protezione delle rondini erano presenti associazioni come Legambiente, una rappresentanza di cacciatori, le GEV (Guardie ecologiche volontarie).

Francesco Mezzatesta di Natour Biowatching ha ricordato tra l’altro l’importante funzione delle rondini come “insetticidi naturali” essendo attive predatrici di zanzare, i principali vettori di malattie per l’uomo, mentre gli escrementi delle rondini, a volte additati come “sporcizia”, sono innocui essendo costituiti di chitina, la sostanza di cui è costituito l’esoscheletro degli insetti, che è assimilabile alla cheratina dei nostri capelli o delle unghie.

Alla prossima Azione!

Share:

Ti piacerebbe partecipare ad un'esperienza simile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche